Posted on

LE TISANORICETTE

Le Tisanoricette

E’ un ebook che contiene una piccola raccolta di gustosi piatti che potrete preparare con i prodotti Tisanoreica di Gianluca Mech.

In questo articolo potete trovare alcune idee sfiziose per assaporare con fantasia e originalità i P.A.T. Tisanoreica in diversi modi.

Comprendono ricette con gusti dolci e salati, con i nostri decotti tutto “made in” Tisanoreica Shop!

[pdfviewer width=”650px” height=”849px” beta=”false”]http://www.tisanoreica-shop.it/wp-content/uploads/tisanoricette_ita.pdf[/pdfviewer]

Posted on

COTTURA: DECISIVA PER LA DIETA!

Ebbene si, qualunque tipo di cottura noi scegliamo, andiamo ad influenzare il nostro alimento.

La cottura è importante per la nostra salute, da essa dipende la leggerezza e la ricchezza nutritiva dei nostri piatti.

Per uno stile di vita sano, ed in regime di dieta, oltre alla scelta del tipo di alimento è altrettanto importante la scelta del metodo di cottura dello stesso.

Da come sono cucinati i cibi, dipende la nostra salute: puoi optare per verdure tutti i giorni, ma è diverso mangiarle cotte a vapore o fritte e ricche di sale.

Facciamo una veloce carrellata di alcuni metodi di cottura:

Bollitura:

Puoi immergere gli alimenti direttamente in acqua fredda e portare poi ad ebollizione, oppure attendere che l’acqua bolla per iniziare la cottura.

In entrambi i casi, si raccomanda di salare l’acqua e sorvegliare la cottura: se troppo cotti, gli alimenti perdono il loro colore, la loro struttura e il loro sapore, quest’ultimi sono preservati se la cottura non è troppo lunga.

Puoi condire direttamente l’acqua di cottura con erbe e spezie.

Più la cottura è lunga, maggiore è la perdita di vitamine e minerali, per questo è preferibile immergere gli alimenti in acqua già bollente e mangiare la pasta al dente.

Questo tipo di cottura è  indicata per quando si desidera mantenere i cibi leggeri, cuocerli facilmente e velocemente.

Inoltre, si adatta a quasi tutti gli alimenti: pasta, carne e verdura.

In realtà, se i cibi rimangono leggeri e light ed il sapore rimane inalterato, la completa immersione in acqua comporta una perdita delle sostanze nutritive.

Grassi, proteine e vitamine idrosolubili si disperdono a contatto con il calore del liquido.

Un’ottima idea, dopo la bollitura, è quella di riutilizzare l’acqua di cottura per altre pietanze o per preparare un minestrone, perché piena di nutrienti.

Cottura a Vapore:

Cibi teneri, morbidi ma soprattutto leggeri.

Chi è attento alla linea, dovrebbe adottare la cottura al vapore per la maggior parte dei piatti.

Con questo sistema gli alimenti cuociono grazie al vapore sviluppato dall’acqua che bolle, senza però entrare mai in contatto con il liquido stesso.

Vantaggio assoluto della cottura a vapore è la minima dispersione delle proprietà nutritive dei cibi: la perdita di vitamine e sali minerali è pochissima.

Cuocendo al vapore non si aggiunge né burro né olio o altri condimenti: è perfetta per chi segue una dieta ipocalorica, ma non vuole rinunciare al gusto.

L’unico aspetto negativo della cottura a vapore è il tempo!

I cibi cuociono più lentamente ed è necessario disporre di una vaporiera o, in alternativa, di una pentola a pressione e di un cestello a tre piedi, e possibile, anche, cuocerli in un cartoccio.

La cottura a vapore è conosciuta come la  cottura che preserva maggiormente i sapori!

Contrariamente a quello che si dice, cottura al vapore non è sinonimo di mancanza di gusto: è molto facile condire i cartocci con spezie, erbe ed un filo d’olio d’oliva.

Quanto alle sue virtù dietetiche, valgono solo se non si esagera con i condimenti, naturalmente… Questa cottura è ideale per le verdure e per il riso.

Forno:

La cottura al forno rende i cibi croccanti e buonissimi.

Usare questo metodo mantiene i cibi più leggeri, perché a differenza della padella, non è necessario usare condimenti, basta, infatti, una teglia foderata con della carta da forno.

La cottura del cibo avviene tramite aria calda, preferibilmente ad una temperatura tra i 150 e i 250°.

Consigliabile non impostare il forno a temperature più alte (se non è espressamente richiesto dalla ricetta) per mantenere intatte le proprietà nutritive degli alimenti.

Dal punto di vista nutrizionale, il calore fa reagire le proteine e gli zuccheri del cibo, ciò determina la formazione di una crosta sui cibi (tipica di questa cottura) che trattiene gran parte delle sostanze benefiche.

Il forno garantisce una cottura omogenea e diminuisce il rischio di bruciature (nocive per l’organismo).

Adatti a questo tipo di cottura sono soprattutto lievitati (come pane, pizza) ma soprattutto le carni che ci guadagnano in tenerezza e in leggerezza!

Questo tipo di cottura distrugge le vitamine ma conserva i sali minerali.

La frittura:

Nemica numero uno della linea.

Infatti, gli alimenti fritti sono molto grassi, soprattutto quando sono circondati da una pastella che si impregna di olio come una spugna.

Inoltre, il calore molto forte distrugge le vitamine…  Meglio usare questo metodo di cottura solo nelle grandi occasioni… anche se è difficile resistere ai fritti!

Chi non ama il sapore delle patatine fritte e croccanti…per non parlare del gusto dolce e zuccherato dei kraffen…

Posted on

SPEZIE: LE MIGLIORI AMICHE NELLA DIETA

spezie le migliori amiche nella dieta

Le spezie possono essere le nostre migliori alleate nella dieta.

Le spezie consentono di insaporire e preparare piatti sani e leggeri, usando meno condimenti calorici.
Le spezie giungono a noi da ogni parte del mondo, e fin dalla antichità esse furono utilizzate nella cosmesi, per profumare le abitazioni, insaporire cibi e vivande, favorire la digestione o come medicamenti.
Ne basta un pizzico per trasormare i nostri piatti in un tripudio di sapori, e condurci rapidamente in ogni parte del mondo!
Abbinare le spezie e le piante aromatiche (anchesse fonte naturale di sapori e ricche di proprieta salutistiche) ai cibi li rende più appetibili, ne migliora la digestione, aumenta l’apporto di vitamine e antiossidanti.

Da non sottovalutare che molte spezie hanno un’azione bruciagrassi e aiutano la linea, insaporire un cibo con erbe e aromi permette di ridurre al minimo condimenti e “intingoli” che farebbero salire il computo delle calorie del piatto, senza dimenticarci che l’utilizzo delle spezie per insaporire anziche il sale, riduce l’apporto di sodio che ne deriva. Il sodio ha la capacità di far trattenere liquidi ai tessuti, di cojnseguenza l’assunzione di elevate quantità di sale richiama l’acqua al di fuori delle cellule e il risultato è la comparsa di gonfiori periferici, edemi e ipertensione per aumento del volume d’acqua all’interno delle arterie, vene e tessuto connettivo. Lo spettro della cellulite è dietro l’angolo. Divertiamoci quindi con spezie e erbe aromatiche la linea e la circolazione ci ringrazieranno.

Posted on

Depurare l’organismo naturalmente con le erbe per dimagrire

depurare l'organismo naturalmente con le erbe

Depurare l’organismo naturalmente con le erbe per dimagrire è importante.

Ogni giorno dobbiamo far fronte ad un carico di tossine endogene, elementi di scarto prodotti direttamente dal nostro organismo come risultato di processi metabolici, possiamo provare a depurare l’organismo naturalmente con le erbe per dimagrire.

Contemporaneamente siamo esposti a tossine esogene dovute al contatto con il mondo esterno, come aditivi alimentari pesticidi, fumo ed alcol.

Le tossine in eccesso, quando i meccanismi fisiologici di difesa risultano insufficienti, vengono accumulate nei tessuti, minando il benessere dell’organismo, predisponendo all’aumento del sovrappeso, all’insorgenza di malattie cardiovascolari ma anche tumori, specialmente della prostata, del colon retto e del seno.

Ecco l’importanza di depurare l’organismo naturalmente con le erbe, meglio se con un protocollo naturale e controllato come per esempio i prodotti di Gianluca Mech.

Le tossine liposolubili, che sono trattenute nel tessuto adiposo, possono non solo concorrere ad un aumento della massa grassa, ma causare anche infezione con i segnali ormonali, ritenzione idrica e gonfiore.

In particolar modo, durante i protocolli dimagranti con notevole perdita di massa grassa, si può verificare la rimessa in circolo di grandi quantità di tossine.

Per questo è fondamentale attuare una profonda depurazione durante e dopo i protocolli dimagranti.

Posted on

E’ arrivato il CELL S.O.D. anticellulite di Tisanoreica

CELL S.O.D. fantastico Anticellulite di Gianluca Mech
CELL S.O.D. fantastico Anticellulite di Gianluca Mech

 

Clinicamente, la cellulite è caratterizzata da alterazioni della superficie cutanea, in particolare localizzata a livello dei glutei, cosce, fianchi, addome. Più precisamente, la cellulite è causata da piccole sporgenze di grasso (papille adipose) nel derma. Anche se la cellulite si può trovare in qualsiasi area dove il tessuto adiposo sia in eccesso, non è strettamente correlata all’obesità in quanto si verifica anche nelle donne sovrappeso o normopeso.

Cause.

La cellulite è probabilmente riconducibile ad un meccanismo ormonale: l’azione estrogenica è responsabile del processo cronico-infiammatorio caratteristico. La produzione di radicali liberi, inoltre, è coinvolta nella patogenesi della fibrosi. Il tessuto adiposo è poco vascolarizzato; ciò sostiene la teoria che la cellulite può peggiorare nelle aree dove la circolazione e il drenaggio linfatico sono ridotti.

Trattamenti.

E’ fondamentale aumentare l’attività fisica e prediligere alimenti con azione antiossidante e diuretica. E’ consigliabile quindi assumere molta verdura, frutta ed estratti d’erbe che favoriscano il drenaggio dei liquidi corporei. Oltre agli accorgimenti sullo stile di vita è consigliato, il più delle volte, intervenire con integratori studiati ad hoc come CELL S.O.D.®.

All’interno di questo innovativo integratore è stata valutata una risorsa alternativa, affiancata ad altre piante officinali utili a favorire il contrasto degli inestetismi della cellulite e dall’azione antiossidante. Il S.O.D. , ricavato dalla polpa del frutto del Melone, è uno scavenger che blocca i radicali liberi dell’ossigeno; è già prodotto dal nostro organismo e può essere ulteriormente integrato con preparati.

CELL S.O.D. fantastico Anticellulite di Gianluca Mech
CELL S.O.D. fantastico Anticellulite di Gianluca Mech

NonSonoADietaTisanoreica2-thumbnail

Posted on

L’attivatore Tisanoreica

L’ATTIVATORE TISANOREICA

Un elemento di distinzione dei preparati Tisanoreica e’ l’”Attivatore Tisanoreica”™, una sapiente selezione di diverse piante che
, miscelate agisce contemporaneamente su piu’ livelli.

Un mix di otto piante (Papaia, Ananas, Malva, Anice Stellato, Finocchio, Carciofo, Tarassaco, Senna) le cui varie proprieta’ elenchiamo analiziamo qui’ di seguito.

1 – Attivita’ proteolitica (papaya e ananas)

Questa attivita’ consiste nel favorire lo “smontaggio” della proteina nei vari aminoacidi di cui e’ composta, favorendone la digestione. La papaia contiene un enzima ad attivita’ proteolitica chiamato “papaina“, che a sua volta e’ una miscela di enzimi proteolitici, costituita da papaina e da chimopapaina, che idrolizza specialmente polipeptidi contenenti aminoacidi basici come leucina e glicina. L’altra pianta con attivita’ similare e’ l’ananas che contiene nel fusto e nei frutti una miscela di enzimi proteolitici detta “bromelaina” o “bromelina“.

Tale miscela presenta varie attivita’ : digestiva, antinfiammatoria, cicatrizzante, fibrinolitica ed in particolare l’attivita’ digestiva si basa sulla capacita’ di idrolizzare le proteine a oligopeptidi e aminoacidi.

2 – Attivita’ peristaltica ed emolliente (Senna e Malva)

Senna e Malva favoriscono il movimento naturale dell’intestino detto appunto peristalsi. La mancanza di fibre contenute nei carboidrati non ammessi durante la fase intensiva potrebbe causare un rallentamento intestinale, dunque attraverso l’attivita’ emolliente e idratante di queste due piante officinali si garantisce la normalita’ del transito intestinale. La senna e’ una pianta che stimola la peristalsi in quanto ha presente nelle sue foglie, dei derivati antrachinotici, in grado di determinare un’attivita’ di contrazione della muscolatura liscia con riversamento di acqua a livello intestinale. La malva, contiene nelle foglie e nei fiori mucillagini, antociani, acido caffeico e clorogenico. Questa pianta si caratterizza per le proprieta’ emolienti e calmanti delle mucose.

3 – Attivita’ carminativa (Anice Stellato e Finocchio)

L’attivita’ carminativa consiste nel combattere quel gonfiore nello stomaco e nell’ intestino che puo talvolta manifestarsi in seguito all’assunzione dei Preparati Tisanoreica, dato l’alto contenuto di aminoacidi. Per raggiungere questa azione carminativa e’ necessario introdurre giornalmente almeno quattro P.A.T di Preparati Tisanoreica e di Estratti Tisanoreica liquidi (“aggancio Tisanoreica verticale”) come previsto nella Dieta Tisanoreica. L’Anice Stellato e il Finocchio hanno azione carminativa alleviano il gonfiore agendo su vari fronti, aumentano la contrazione ritmica e le secrezioni da parte dello stomaco, partecipano cosi’ alla regolazione della contrazione e del rilassamento della muscolatura intestinale e favoriscono il flusso della bile.

Tali attivita’ sono dovute in particolar modo alla componente terpenica del fitocomplesso (anetolo e trans-anetolo).

4 – Attivita’ depurativa e protettiva di reni e fegato (Carciofo e Tarassaco)

Durante la mobilizzazione dei grassi, per fegato e reni vi e’ un doppio lavoro. Il fegato deve trasformare in corpi chetonici gli acidi grassi, affinche’ questi ultimi possano essere utilizzati come fonte energetica da parte degli organi interni al posto del glucosio. Il fegato deve anche eliminare anche una gran quantita’ di tossine “stipate” nei grassi. I tessuti adiposi fungono da serbatoio per molte dell tossine che l’organismo non e’ riuscito a smaltire, dai farmaci ai residui di pesticidi. I reni oltre a eliminare le tossine devono eliminare correttamente i corpi chetonici attraverso le urine al fine di evitare un aumento dell’acidosi. Per assicurare questo lavoro di “smaltimento” al fegato e ai reni sono necessari almeno quattro P.A.T. al giorno insieme agli estratti liquidi Tisanoreica (“aggancio Tisanoreica Verticale”) come previsto dalla Dieta Tisanoreica.

Il Carciofo e Tarassaco sono due piante con una forte azione depurativa.

Il Carciofo, nelle sue foglie contiene un fitocomplesso ricco di diverse sostanze eterosidi flavonici (cinarosidi) e derivati caffeilchinici (acido clorogenico e cinarina), lattoni sesquiterpenici (cinaropicrina) che, nel complesso sviluppano un attivita’ modulatrice sui livelli HDL e LDL, attivita’ coleretica-colagoga (che stimola la produzione di bile e la funzionalita’ biliare) ed epatoprotettiva. Il Tarassaco che contiene nelle radici lattoni sesquiterpenici (eudesmanolidi e germacranolidi), acidi organici e sali di potassio ed e’ una pianta che e’ sia coleretica-colagoga che diuretica.

L’Attivatore Tisanoreica™ e’ funzionalmente mirato alla biodisponibilita’ dei nutrienti ed alla loro digeribilita’. La quantita’ delle piante inserite e’ conforme ai dosaggi previsti per i supplementi nutrizionali. L’obbiettivo e’ quello di ottenere un alimento funzionale, la cui azione e’ integrata e attivata dagli Estratti Tisanoreica che vengono diluiti in acqua sempre abbondante, il protocollo della Dieta Tisanoreica.

Un’ultima precisazione che non ci stancheremo mai di fare: la dieta Tisanoreica e’ altamente efficace e salutare, ma deve essere attuata sotto controllo medico.

Posted on

Il metodo Tisanoreica

Il metodo Tisanoreica

Il metodo Tisanoreica® è uno strumento che nelle mani esperte di medici e professionisti viene perfettamente modulato e personalizzato per
ottenere il dimagrimento nel rispetto del benessere e delle caratteristiche individuali della persona.

Quando si inizia un percorso dieta con Tisanoreica si eliminano completamente gli zuccheri e i grassi, ma si nutre il corpo e la massa muscolare con proteine pure (che contengono tutti gli aminoacidi essenziali), sali minerali e vitamine impedendo l’effetto “carestia”.

Il nostro organismo non va più ad abbassare il consumo di energia ma non ricevendo più né carboidrati né grassi, sarà costretto a ricorrere alle proprie riserve. Questo meccanismo viene chiamato “Chetosi”.

Il programma si sviluppa in due fasi, per ciascuna delle quali si combinano sinergicamente gli Alimenti della Tisanoreica, le Pietanze e gli Estratti, rispettando il fabbisogno prestabilito.

PAT (Porzione Alimentare Tisanoreica®)

Il PAT è l’unità di misura per definire la quantità di aminoacidi e fitoestratti contenuti in ciascuna Pietanza Tisanoreica con Attivatore. Avendo definito il bisogno di aminoacidi in 72 gr in fase intensiva e in 36 gr in fase di stabilizzazione (salvo diverso parere del medico), si è reso necessario identificare un’unità di misura che, al di là del peso variabile a seconda delle confezioni, sia in grado di “quantiticare” la “porzione” di aminoacidi che si va a integrare con i vari Preparati. A questo scopo, è nato il P.A.T., acronimo per “Porzione Alimentare Tisanoreìca’ che corrisponde a 1/4 della porzione giornaliera in fase intensiva: 18 gr.

In ogni confezione di Preparati Tisanoreica si trova indicato il numero di P.A.T., un dato che semplifica enormemente la “contabilità” degli aminoacidi da assumere quotidianamente. Ecco dunque che, in fase intensiva, ci nutriremo con 4 P.A.T , mentre in fase di stabilizzazione con 2 P.A.T.

Se è vero che la maggior parte dei Preparati Tisanoreica “valgono” 1 P.A.T , ci sono peraltro alcuni Preparati che ne presentano o in più, o in meno: i Fusilli Tisanoreica, ad esempio, valgono 2 P.A.T, le Barrette solo 1/2, mentre le Salse hanno un contenuto di aminoacidi tanto trascurabile da far valutare il proprio P.A.T. pari a zero.

Poiché, in condizioni normali, il nostro organismo riesce ad assimilare bene una certa quantità di aminoacidi e non di più, non è consigliato assumere più di due P.A.T . per volta. Se alcune ricette, come per esempio le crèpes Tisanoreica (dolci o salate che siano), prevedono più di 2 P.A.T., è opportuno trazionarne l’assunzione in due pasti successivi, con un intervallo di almeno due ore.

Il concetto di P.A.T. è estremamente semplice e utile. Con un pò di pratica, chiunque sarà in grado di crearsi un appetitoso menu giornaliero, personalizzato secondo gusti e inclinazioni.

Un PAT equivale, per la maggior parte dei gusti, ad una Pietanza Tisanoreica (in ogni scatola è riportato il valore in PAT/Pietanza) In questo modo si può seguire correttamente la Tisanoreica, calcolando rapidamente la quantità di PAT utilizzati anche quando si libera la fantasia per elaborare saporite ricette miscelando più gusti assieme.

LE TRE FASI DELLA DIETA TISANOREICA®

PRIMA FASE: TISANOREICA INTENSIVA

In questa prima fase, vengono sospesi quasi completamente gli zuccheri, sia lenti che veloci, l’alcol e i grassi, mentre vengono assunti generalmente 4 P.A.T. al giorno (18 gr di proteine ciascuno). Poiché l’apporto di zuccheri e grassi è praticamente nullo, mentre al contrario la massa muscolare continua a ricevere nutrimento, l’organismo non potrà più abbassare il metabolismo di base e sarà costretto – dopo aver bruciato, in circa due giorni, la quantità di zuccheri immagazzinati nel fegato e nei muscoli (glicogeno) – a ricorrere alle proprie scorte: i grassi corporei.

Se normalmente, in presenza di glucosio, i grassi seguono una certa via metabolica, in assenza di zuccheri devono imboccare il percorso metabolico alternativo noto come “chetogenesi’. Ricordiamo che i corpi chetonici sono particolarmente importanti per il Sistema Nervoso Centrale, che lì può utilizzare a scopo energetico in sostituzione degli zuccheri che, in condizioni normali, rappresentano l’unica fonte di energia.

La chetosi può essere paragonata a un treno, che parte pian piano e che va progressivamente in accelerazione, Nel contempo, altrettanto progressivamente diminuisce il peso corporeo. Durante questo periodo, si potranno assumere solamente gli Alimenti Tisanoreica (Preparati ed Estratti), carne, pesce e verdure, preferibilmente verdi. È fondamentale che non vengano assolutamente introdotti nè zuccheri, nè alcol, pena l’arresto immediato della chetosi. Basterebbe, ad esempio, una semplice mela, cibo in sé certo non ingrassante, per bloccare l’intero processo.

Al momento dell’entrata in chetosi, è possibile avvertire mal di testa o un senso generalizzato di stanchezza, cui si può ovviare con l’aiuto dell’Estrattolisanoreica 13 tonico. Una volta entrati in chetosi, la sensazione di fame diventerà molto blanda, ci si sentirà particolarmente euforici e pieni di energia e potrà magari anche succedere di essere tentati di “saltare” uno o più Preparati Tisanoreica, contando in un dimagrimento più rapido. Un comportamento di questo tipo sarebbe profondamente errato e addirittura nocivo, in quanto si farebbe mancare nutrimento alla massa magra e si darebbe modo al corpo di abbassare il metabolismo di base.

Durante la fase Tisanoreica intensiva viene, infine, messo a riposo il pancreas. Un evento davvero importante, in quanto quest’organo – a causa di un’alimentazione ricca di carboidrati sempre più raffinati (zucchero, pane bianco, pasta) – è ogni giorno sottoposto a un superlavoro, che lo costringe a produrre una grande quantità di insulina al fine di riportare alla normalità il valore della glicemia nel sangue. Con un’assunzione esagerata di carboidrati, in particolare di quelli veloci, il pancreas tende, per così dire, ad “andare in tilt” e a produrre più insulina di quanto non sarebbe necessario, portando i valori di glicemia al di sotto della norma

La conseguenza è che il corpo si trova in carenza di zuccheri e deve fronteggiare, il più delle volte, di nuovo lo stimolo della fame (la cosiddetta ‘fame nervosa”). Una rinnovata assunzione di zuccheri, quando in circolo c’è troppa insulina, porta a ingrassare, perché l’insulina è l’ormone che stimola la lipogenesi.

E a proposito di “fame nervosa’: spesso si sente dire che dimagrire e mangiare meno è solo una questione dì volontà e di impegno.

Ma siamo sicuri che sia proprio così? Non è possibile che esistano cibi o ingredienti che, anziché sfamarci, stimolino ulteriormente l’appetito? Per cercare di far luce su questo tema, è necessario approfondire i concetti di insulina e di indice glicemico.

L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas che funge da regolatore, permettendo di abbassare il tasso di zucchero nel sangue (glicemia). L’insulina smaltisce l’eccesso di zuccheri facendolo penetrare nelle cellule, che se ne servono come fonte d’energia. Se però il corpo, in quel momento, non richiede energia (perché a riposo o perché, semplicemente, è troppa, tutta in una volta), l’eccesso di zuccheri viene fatto penetrare nelle cellule adipose e trasformato in grassi di riserva.

L’indice glicemico ci dice a sua volta a quale velocità un alimento fa aumentare il tasso di zucchero nel sangue. Più l’indice glicemico sarà elevato, più velocemente si alzerà la glicemia. Di conseguenza, il pancreas sarà costretto a produrre insulina per farlo velocemente calare.

L’abbassamento improvviso della glicemia nel sangue crea senso di fame, e il ciclo si chiude con il desiderio di nuovi carboidrati e grassi. Ecco dunque che, più un alimento ha un indice glicemico alto, più causa un repentino innalzamento e abbassamento della glicemia, con conseguente senso di fame e “stoccaggio” di grassi.

Ma com’è possibile che la natura abbia fatto un errore tanto grave?

In realtà, originariamente non vi è nessun errore: gli alimenti consumati così come Madre Natura li prepara, generalmente non presentano indici glicemici alti. La responsabilità è tutta delle improprie manipolazioni umane, che tendono a raffinare il carboidrato, separandolo da altri componenti presenti nella materia prima, in modo particolare dalle fibre. Pensiamo al pane bianco, che viene prima privato della crusca (fibra) e poi cotto. Oppure allo zucchero raffinato o, ancora, al riso brillato. Un tempo, tutto il lavoro di “elaborazione” del carboidrato era compito esclusivo del nostro organismo.

Oggi invece, in un certo senso, la digestione di questi alimenti altamente raffinati non comincia più in bocca, ma direttamente nella fabbrica, o addirittura nelle nostre pentole (la carota cruda ha un indice glicemico più basso della carota cotta e un’arancia intera ha un indice glicemico più basso del succo spremuto, specie se filtrato). Immettendo dunque carboidrati “predigeriti’ si induce un più rapido assorbimento e un conseguente, veloce aumento del tasso di zucchero nel sangue.

Analizzando gli indici glicemici di diversi alimenti, c’è da restare sorpresi nel vedere come si innalzino passando dal pane integrale al pane bianco. o dal riso integrale al riso brillato, su su, fino al riso soffiato. Se pensiamo a queste lavorazioni come a ‘predigestioni’ sarà tutto più chiaro.

ESEMPIO DI MENÙ TISANOREICA® INTENSIVA (4 Pietanze Tisanoreica, equivalenti a 4 PAT, al giorno)

COLAZIONE • una/due tazze di caffè o tè con dolcificante (solo aspartame) • una Pietanza Tisanoreica (1 PAT)

PRANZO (pranzo e cena possono essere invertiti) • verdura cotta o cruda a volontà a scelta fra: asparagi, belga, bietole, broccoli, cavolfiore, cetrioli, crescione, finocchio, funghi coltivati, germogli di soia, lattuga, melanzane, porri, radicchio, ravanelli, rucola, scarola, sedano, spinaci, verza, zucchine • una Pietanza Tisanoreica (1 PAT) • tonno (1 scatoletta) oppure un uovo (eventualmente da abbinare alla verdura per formare un’insalatona)

SPUNTINO DEL POMERIGGIO • una o due tazze di caffè o tè con dolcificante (solo aspartame) • una Pietanza Tisanoreica (1 PAT)

CENA • una Pietanza Tisanoreica (1 PAT) • verdura cotta o cruda volontà • un piatto a scelta tra:  – 100 gr di carne privata del grasso visibile (coniglio, manzo, pollo, puledro, tacchino, vitello)  – 200 grammi di pesce pulito e al netto degli scarti, escludendo trota, pesce spada, salmone; in alternativa al pesce di lisca, si possono consumare crostacei e molluschi (aragosta, astice, cozze, gamberi, scampi, seppie, vongole…)  – 60 grammi di affettato (bresaola, carpaccio, prosciutto crudo sgrassato)  – 1 uovo

SECONDA FASE: TISANOREICA DI STABILIZZAZIONE

Eccoci dunque alla seconda fase, detta “di stabilizzazione’: che non è certo meno importante di quella intensiva. Se nella fase intensiva si era ottenuto il sensibile e auspicato dimagrimento, ora, in questa fase, bisogna far comprendere all’organismo che questo è il nuovo peso corporeo e che è fondamentale riuscire a ‘fissarlo’.

Ecco dunque che si assumono ancora 2 P.AT. al giorno, ma vengono anche reintrodotti, in maniera graduale, carboidrati a basso indice glicemico (pane e pasta, meglio se integrali) e i grassi, facendo così ripartire il pancreas, dolcemente, dopo il periodo di riposo. In questo modo, quest’organo si risveglia”: un po’ come quando si resetta il computer dopo un crash di sistema, per ripristinarne il corretto funzionamento.

Si tratta di una fase davvero molto importante che, più dura, meglio aiuta a consolidare il peso raggiunto. È anche evidente che, in questo periodo, devono essere rigorosamente evitati alimenti ad alto indice glicemico, primi fra tutti alcol, zuccheri puri e frutta.

ESEMPIO DI MENÙ TISANOREICA® DI STABILIZZAZIONE (2 Pietanze Tisanoreica, equivalenti a 2 PAT, al giorno)

COLAZIONE • una/due tazze di caffè o tè con dolcificante (solo aspartame) • una Pietanza Tisanoreica (1 PAT)

PRANZO (pranzo e cena possono essere invertiti) • verdura cotta o cruda a volontà a scelta fra: asparagi, belga, bietole, broccoli, cavolfiore, cetrioli, crescione, finocchio, funghi coltivati, germogli di soia, lattuga, melanzane, porri, radicchio, ravanelli, rucola, scarola, sedano, spinaci, verza, zucchine • un piatto a scelta tra:  – 100 gr di carne privata del grasso visibile (coniglio, manzo, pollo, puledro, tacchino, vitello)  – 200 grammi di pesce pulito e al netto degli scarti, escludendo trota, pesce spada, salmone; in alternativa al pesce di lisca, si possono consumare crostacei e molluschi (aragosta, astice, cozze, gamberi, scampi, seppie, vongole…)  – 60 grammi di affettato (bresaola, carpaccio, prosciutto crudo sgrassato)  – 60 grammi di formaggio grana  – 1 uovo

SPUNTINO DEL POMERIGGIO • una o due tazze di caffè o tè con dolcificante (solo aspartame) • una Pietanza Tisanoreica (1 PAT)

CENA • un piatto a scelta tra:  – 50/80 gr di pasta o riso (preferendo cereali non raffinati: prodotti integrali, di farro, di kamut, orzo…)  – 100/150 gr di minestrone • verdura cotta o cruda volontà • un piatto a scelta tra:  – 100 gr di carne privata del grasso visibile (coniglio, manzo, pollo, puledro, tacchino, vitello)  – 200 grammi di pesce pulito e al netto degli scarti, escludendo trota, pesce spada, salmone; in alternativa al pesce di lisca, si possono consumare crostacei e molluschi (aragosta, astice, cozze, gamberi, scampi, seppie, vongole…)  – 60 grammi di affettato (bresaola, carpaccio, prosciutto crudo sgrassato)  – 60 grammi di formaggio grana  – 1 uovo

TERZA FASE: DI MANTENIMENTO

A questo punto, come si suoi dire, il più è fatto. Si è riusciti a dimagrire, si è riusciti a stabilizzarsi nel “peso forma’: adesso basta fare solo un pò di attenzione, non dimenticando la regola aurea: volersi bene. In questa fase, rientra in gioco a dieta equilibrata, che richiede il calcolo delle calorie necessarie per mantenere il peso raggiunto. Una dieta che deve puntare non solo sulle giuste quantità, ma anche e soprattutto sulla qualità della calorie da assumere: nell’alimentazione, non è vero che una caloria vale l’altra.

Questa fase è molto importante perché la Dieta Tisanoreica, pur non comportando l’effetto yo-yo” con perdita di massa magra, non può e non deve essere considerata come un ‘vaccino” contro l’obesità. È dunque opportuno restare in contatto col proprio medico nutrizionista, consultandolo almeno due volte all’anno. Saranno occasioni per entrare in uno stato di maggiore consapevolezza e responsabilità verso sé stessi, e anche verso gli altri. Durante questa fase, si consiglia l’uso dell’Estratto Tisanoreica 21 snellente, che aiuta a mantenere la linea, tenendo sotto controllo l’appetito e depurando l’organismo.

DURATA DELLE TRE FASI

Le prime due fasi, intensiva e di stabilizzazione, hanno un’uguale durata e il loro protrarsi nel tempo dipende dal peso che si vuole perdere. È comunque importante sapere che, se possibile, sarebbe meglio portare a termine il dimagrimento in una sola volta, senza “entrare e uscire” dalla chetosi: tanto più spesso questo avviene, tanto più l’organismo si abitua a questa situazione, aumentando dì conseguenza la resistenza dei grassi. Sarà il medico, a questo punto, che dovrà valutare con saggezza e competenza benefici e svantaggi di un protrarsi della fase intensiva.

Durante entrambe le fasi, si consiglia vivamente di assumere potassio, un multivitaminico senza zuccheri e di bere in abbondanza.

“La Tisanoreica del giorno dopo” Ecco un piccolo trucco per non riprendere peso quando ‘si sgarra’ Una volta raggiunto il peso ideale, possiamo anche concederci qualche (raro) eccesso, nel qual caso limportante è porvi prontamente rimedio!

Se ad esempio, durante una cena, eccediamo con le calorie, potremo rimediare al “disastro”, attuando il regime della fase intensiva nei tre pasti successivi, Infatti, poiché i grassi necessitano di zuccheri per fissarsi (in quanto questi stimolano l’insulina, che fa entrare i grassi nelle cellule adipose), non introducendone nella dieta nei tre pasti successivi, non sarà loro concessa alcuna possibilità di fare danno. Immaginiamo di regalarci, questa sera, una cena sostanziosa. Domani mattina faremo colazione con un P.A.T. e un caffè con dolcificante; per pranzo assumeremo un altro P.A.T., accompagnato da carne o pesce e verdura, e la stessa cosa faremo alla sera.

Dal giorno dopo, potremo introdurre nuovamente nel nostro menu carboidrati, con la coscienza tranquilla di aver eliminato le calorie della sera precedente. In questo modo, avremo scongiurato di ingrassare ma non saremo entrati in chetosi, tenendocela buona per quando sarà necessado (se mai ancora lo sarà) dimagrire.

N.B.: questo trucchetto è da utilizzarsi soltanto una volta terminata la fase intensiva e di stabilizzazione!

CONSIGLI ALIMENTARI IN TISANOREICA®

Il Metodo Tisanoreica non è una “dieta fai da te”, ma è un percorso di dimagrimento, personalizzato e guidato con l’assistenza di medici e professionisti in ragione delle caratteristiche ed esigenze particolari di ciascun individuo. Per ottenere i risultati desiderati è importante però rispettare scrupolosamente le regole che sono alla base della Tisanoreica.

• DURATA: rispettare i tempi del programma stabiliti dal medico in base alla situazione personale.

• COTTURE consigliate per carne e pesce sono al vapore o alla griglia.

• CONDIMENTI consigliati sono: sale, pepe, spezie, erbe aromatiche, salsa di soia salata, aceto di mele (evitare quello di vino), limone, olio extra vergine di oliva, olio di girasole, di sesamo ma sempre da spremitura a freddo (2 cucchiai da minestra al giorno).

• IDRATARSI bevendo almeno 2 litri di acqua durante la giornata.

• INTEGRATORI: consigliato l’utilizzo di un integratore di Potassio Magnesio senza zucchero o di multivitaminico.

• DOLCIFICANTI: assumere solo aspartame.

• ELIMINARE TASSATIVAMENTE I CARBOIDRATI IN FASE INTENSIVA:  – pasta, pane, riso, polenta, pizza, biscotti, (e tutto quello che contiene farina, leggendo le tabelle nutrizionali di ciò che si acquista)  – patate, frutta, miele, legumi (soia, fagioli, piselli, lenticchie…), mais, carote, rape  – vino, alcolici e superalcolici  – ogni fonte di zucchero in generale poiché, anche se in dosi minime, lo zucchero può vanificare il risultato; ricordare che è presente anche nei succhi di frutta, nelle bevande gassate, bevande alla frutta o tipo Cola, caramelle, gomme…

• ZUCCHERI “LIGHT” verificare la presenza di zucchero o dolcificanti nei prodotti con dicitura “Light”, “senza zucchero”, “dietetico”: NON possono essere usati quelli che nella tabella nutrizionale hanno i suffissi -osio o -olo (fruttosio, mannitolo…).

• DOSE GIORNALIERA: 4 PAT in fase intensiva, 2 PAT in stabilizzazione. NON ridurre le dosi consigliate perchè le Pietanze servono a mantenere intatta e tonificata la massa magra del corpo (muscoli, pelle…); assumerne meno non significa dimagrire più velocemente, ma anzi, rallentare il dimagrimento.

• BARRETTE e CEREALI TISANOREICA NON usare in fase intensiva, perchè contengono una fonte di carboidrati; consumare 1 sola porzione al giorno solo in fase di stabilizzazione o post-dieta.

E DOPO LA DIETA TISANOREICA?

Tisanoreica Style: l’alimentazione per tutta la vita. Per non essere sempre a dieta, ma rimanere sempre in forma.

“E’ fondamentale che il protocollo della Dieta Tisanoreica sia percepito non tanto e non solo come un programma di dimagrimento, bensì come un percorso che porta il paziente a una nuova consapevolezza: la necessità di prendersi cura di sé. L’utilizzo degli Estratti d’Erbe Tisanoreica aiuta questa gestualità. Imparare a prendersi cura consapevolmente del proprio fegato, dei propri reni, dei propri ormoni è vitale per la persona/paziente, che comincia in tal modo a percepirsi come maestro delle singole pari e del tutto che è il suo corpo”. (Dal libro di G.Luca Mech)

Posted on

La dieta Tisanoreica


La Dieta Tisanoreica® è un regime alimentare ipoglucidico, normoproteico e ipocalorico che permette la perdita dei chili di troppo sfruttando un meccanismo
metabolico, la cosiddetta “chetosi verde”, ma ci permette allo stesso tempo di nutrire l’organismo con completezza anche in una fase di squilibrio come quella del dimagrimento, avvalendosi infatti anche del potente supporto delle piante.

Infatti grazie a quest’ultime si differenzia dalle classiche diete “chetogeniche” perchè migliora e controlla i corpi chetonici, ecco perchè viene definita “fitochetogenica”.

E’ un sistema innovativo diverso rispetto alle tante diete “fai da te”, che si sviluppa come un percorso di dimagrimento guidato e modulato con l’assistenza di medici e professionisti.

Basta con la solita dieta “mangia meno e un po’ di tutto” perchè poi il corpo comincia a soffrire di una “carenza generalizzata”, vivendo questo tipo di dieta come una vera e propria “carestia”.

Con la conseguenza di attivare una sorta di autodifesa che protegge i grassi di deposito, provocando invece la perdita di tono muscolare e tissutale e quella sensazione mista di stanchezza, debolezza e cattivo umore.

E qui entra in gioco il primo “paradosso della Tisanoreica”: per dimagrire, si deve mangiare in maniera “squilibrata”!

Con la Tisanoreica si continua a nutrire il corpo per preservare la tonicità dei muscoli e della pelle e si va a smaltire quello che è in sovrappiù.

Le Pietanze Tisanoreica®, a base fitoaminica, favoriscono il mantenimento della tonicità muscolare inducendo l’organismo a consumare i grassi di riserva.

Gli Estratti Tisanoreica®, dei puri concentrati decottopirici d’erbe officinali, aiutano a mantenere il naturale equilibrio del corpo durante il dimagrimento.I P.A.T. (porzione alimentare tisanoreica) contenendo (nella giusta proporzione) tutti gli aminoacidi essenziali, essi forniscono al corpo proteine allo stato puro ad altissimo valore nutritivo, sono fatte con proteine in prevalenza vegetali della soia, dei piselli, del grano e della avena ed in alcuni prodotti tipo dolci vengo aggiunti alcuni aminoacidi del latte e dell’uovo per arrivare ad una completezza adeguata, mentre sono privi di proteine della carne.

I preparati imitano in modo pressoché perfetto i gusti degli alimenti tradizionali e si propongono in diversi sapori – dal cioccolato tisanoreico al pane tisanoreico e così via.

Queste Pietanze contengono infine un particolare composto di erbe (papaia, ananas, senna, malva, anice stellato, finocchio, carciofo e tarassaco) chiamato “Attivatore Tisanoreica”, che agisce, fra l’altro, sull’attività digestiva, su quella peristaltica e su quella carminativa (gonfiore allo stomaco).

A loro volta gli Estratti Decottopirici, ne facilitano l’assimilazione, drenano, regolarizzano le funzioni dell’organismo e mitigano i classici disturbi delle diete proteiche tradizionali.

È proprio sul valore di questi Estratti che Gianluca Mech insiste in modo particolare, indicandoli come il vero cuore di ogni Dieta Tisanoreica in quanto ottenuti con la “Decottopia” – da cinquecento anni procedimento esclusivo della sua famiglia – vale a dire l’antico sistema di estrazione e mantenimento dei principi attivi di almeno dieci piante, in forma liquida, senza utilizzo di alcol, di zuccheri, né di conservanti. Dunque, ideali per il tipo di “carenza” necessaria al dimagrimento indotto con la Tisanoreica.

LA TISANOREICA® FA PER TE SE:

  • vuoi ritrovare il tuo corpo più snello e sano;
  • vuoi riscoprire agilità, energia e tanta voglia di vivere;
  • vuoi combattere gli inestetismi della cellulite;
  • vuoi prenderti cura di te trasformando positivamente anche quel fisico che non ti piace.
Posted on

Benvenuti!

 

Benvenuti sul sito e-commerce Tisanoreica-shop.it! 

In questo sito troverai disponibili tutti i prodotti Tisanoreica acquistabili semplicemente 
on-line e che ti verranno recapitati comodamente a casa tua in brevissimo tempo.

Contattaci per informazioni o per semplice curiosità, saremo felici di darti tutte le informazioni di cui avrai bisogno.

Per i nostri clienti garantiamo il supporto 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per ogni tipo di informazione, dubbio, chiarimento e per seguire insieme il percorso “dieta con Tisanoreica”.